vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Emergenza sanitaria e diagnosi DSA - certificazioni invalidità/L.104: deroghe previste per test di ammissione

Ammissione con riserva dei candidati con disabilità o DSA in possesso di certificazione non aggiornata- prove di ammissione ai corsi di laurea e laurea magistrale ad accesso programmato nazionale a.a. 2020/2021.

Con riferimento alle recenti misure adottate per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 ed, in particolare, alla segnalazione della Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per la Disabilità, pervenuta al Ministero dell'Università e della Ricerca:

Il candidato con invalidità, disabilità di cui alla legge n. 104/1992 o DSA di cui alla legge n. 170 del 2010 che, per l’a.a. 2020/2021, intende sostenere i test di accesso per i corsi di laurea ad accesso programmato nazionale, deve tempestivamente presentare all’Ateneo la certificazione di invalidità o di disabilità o la certificazione per la diagnosi di DSA.

Vista l’attuale riduzione delle attività degli ambulatori del SSN ed al fine di evitare che il candidato possa trovarsi nell’impossibilità di richiedere la certificazione aggiornata e, conseguentemente, i tempi aggiuntivi, gli strumenti dispensativi e le misure compensative previste dalla normativa di riferimento, gli Atenei possono ammettere le richieste dei candidati con disabilità o diagnosi di disturbi specifici di apprendimento (DSA) di cui alla legge n. 170/2010 seppur in possesso di certificazioni non recenti, con riserva di richiedere successivamente, non appena l’attività del SSN sarà ripristinata, l’integrazione della documentazione ivi prevista.

Pubblicato il 4 maggio 2020