vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Gli studenti con disabilità e con DSA

Il Servizio è rivolto agli studenti iscritti all'Università di Bologna che si trovano in una situazione di svantaggio tale da non poter usufruire appieno delle opportunità formative, relazionali, di crescita personale che il percorso universitario può offrire.

Il Servizio accoglie tutti gli studenti che vivono una situazione di svantaggio a causa di una disabilità (fisica, motoria, sensoriale, psichica), un disturbo dell'apprendimento, una patologia congenita o acquisita, un infortunio temporaneo, un disagio di altro tipo.

Per l'attivazione di servizi specifici è importante depositare presso il Servizio la certificazione della propria disabilità in base alla L.104/92 e/o di invalidità civile oppure la diagnosi di DSA in base alla L.170/2010 o, se non in possesso di tale certificazione, eventuale altra documentazione medica attestante la situazione di difficoltà.

Il Servizio può anche fornire supporto per valutare l'opportunità di intraprendere il percorso di richiesta di certificazione di invalidità/Legge 104 o diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento come opportunità di tutela dei propri diritti e strumento per una vita partecipe e attiva.

Esistono poi situazioni di "disagio" che non possono avere una certificazione medico-legale ma che creano difficoltà di partecipazione alle attività di studio. In questo caso Il Servizio può ugualmente essere di supporto.

Il principio ispiratore del Servizio è quello infatti di rendere il percorso di studi fruibile per tutti a pari condizioni promuovendo l’autonomia di ogni studente.

Una parte importante la riveste anche il contesto familiare di riferimento come punto di partenza e appoggio, l’esperienza però ci ha mostrato il rischio che il rapporto sia condizionato da aspettative, da preoccupazioni, da progetti che sono più dei genitori per i figli che dei figli stessi.

In alcuni casi invece le famiglie, molto presenti per necessità di assistenza o accompagnamento, hanno saputo costruire insieme ai figli un percorso verso l’autonomia: tenendo conto delle aspirazioni personali e nello stesso tempo rimanendo legati ad un esame di realtà (cioè di prospettive concrete, limiti, possibili sviluppi professionali legati alla persona e al contesto).